metodo Feng Shui

 

compass2 P1010501_small logo_magenta

Il punto di partenza è una situazione reale: una persona o una famiglia vuole approfondire la conoscenza dello spazio in cui vive o intende vivere e assicurarsi un ambiente armonico e sereno.

Si comincia quindi con un sopralluogo, per assimilare e osservare con attenzione l’edificio e il contesto in cui si trova.

E’ anche importante conoscere un po’ degli obiettivi principali della famiglia, almeno nel breve-medio periodo.

A questo punto è possibile effettuare un’analisi.

La base di tutto, il primo strato dell’analisi, è l’equilibrio dinamico fra Yin e Yang.

A differenza della tradizione occidentale, nella cultura e nella scienza cinese la legge universale è la trasformazione, lo scorrere dell’energia fra elementi complementari, e non contrapposti.

Sentire e cercare di ripristinare questo equilibrio è il punto di partenza per ogni intervento duraturo.

Il secondo strato è costituito dall’analisi del contesto: le forme, i materiali, gli elementi naturali e artificiali più evidenti.

In questo l’obiettivo primario è quello di cercare (o adattare) la configurazione più stabile per un edificio secondo il concetto dei quattro animali.

A questo riguardo elementi importanti sono l’orientamento della facciata, i flussi di traffico adiacenti o principali elementi orografici (montagne, colline, fiumi).

StelleP5sost ba-gua-later-heaven Casa_dossi_PT_Annuali2011

 

Il terzo strato è costituito dall’analisi delle energie che attraversano l’edificio: elementi importanti sono le direzioni cardinali, l’orientamento della facciata, il periodo di costruzione.

Dato che tutto è in continuo movimento e trasformazione, l’analisi a questo livello può fornire alcune indicazioni sul passato e sulle tendenze future delle persone che vivono nell’edificio in esame.

Non si tratta di astrologia o di previsione passiva di un futuro già definito, ma piuttosto di una “predisposizione” ad accogliere e sfruttare alcune opportunità invece di altre.

Questo vale sia per le persone che per gli edifici perché, secondo la scuola Feng Shui, si tratta dell’incontro e dell’interazione fra tre livelli: il Cielo, la Terra e l’Uomo.

Un intervento si completa con la consegna e discussione di un rapporto, in cui sono indicate le osservazioni principali, le aree della casa più favorevoli o più problematiche e suggerimenti di eventuali interventi di riequilibrio.

Se l’edificio ha anche uno spazio esterno disponibile, è possibile includerlo nell’analisi e utilizzarlo per gli interventi.

Questo può includere una completa riprogettazione dello spazio esterno (giardino, terrazzo, cortile) oppure alcune indicazioni su aree di utilizzo, arredi, decori e tipo di piante.

P1010497 Spiraea prunifolia FS_letto

Advertisements