profilo

Immagine

Progetti “verdi” e consulenze Feng Shui?

Ma cosa c’entrano fra di loro?

C’entrano moltissimo perché corrispondono a una visione, che ho adattato e sviluppato nel tempo, ispirata ad aumentare l’armonia, l’equilibrio e a ridurre l’impatto della nostra vita.

Vivere bene, affinare l’attenzione e la sensibilità a tutti i processi naturali che si svolgono intorno a noi, ridurre le storture e le dissonanze fra noi e il nostro ambiente: sono processi di trasformazione e di adattamento, più o meno lenti, che hanno modificato in modo significativo (e continuano a farlo) la mia vita.

In questo percorso ho scoperto che l’ambiente in cui viviamo, che sia una casa o un appartamento, è influenzato dalle energie presenti nel luogo e che gli esseri vegetali non solo sono più attenti osservatori ma ci aiutano a migliorare l’equilibrio esterno e interno.

Ecco quindi che la progettazione dei giardini, o comunque degli spazi verdi, da un lato si appoggia alle conoscenze specifiche (e a quelle maturate nell’esperienza del vivaio) e dall’altra all’approfondimento delle tecniche di coltivazione naturali.

Si parla di metodi biologici, biodinamici, sinergici.

Si ragiona anche secondo i principi della Permacultura, spesso confondendola, o appiattendola, con una tecnica di coltivazione.

E di solito questi metodi si applicano alla produzione del cibo, che sia un campo, un frutteto, un orto, un’intera azienda agricola.

Ma le stesse tecniche e gli stessi principi si possono utilizzare anche negli spazi cosiddetti ornamentali, creando giardini non solo belli, ma anche intrinsecamente armoniosi ed equilibrati.

profilo_img1_small

E il Feng Shui, che si concentra sull’analisi dello spazio abitato e cerca soluzioni mirate a migliorare la salute e il benessere complessivo delle persone che lo occupano, si allarga naturalmente fuori dalle finestre e dalla porta e abbraccia l’esterno.

Anche in questo caso, i criteri vengono adattati alle esigenze dei nostri spazi e della nostra cultura; quindi nessuna “cineseria” e nessun “amuleto”.

Perché come tutti i consulenti seri di Feng Shui dicono: uno spazio con un buon Feng Shui non si riconosce dai soprammobili ma dalla sensazione di serenità e armonia che irradia.

La foto è risultato della gentilezza e della pazienza di Simonetta Chiarugi, che ringrazio.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s